Me ne frego ! Poi … altri numeri magici: 3 e 45

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Me ne frego!

Disse il governo a Roma.

E se ne fregarono bellamente del governo sovranista a Roma:

  • i Russi che non lo sostennero mai contro la speculazione
  • i Sovranisti Europei che vogliono una Nato più forte
  • I Sovranisti Europei che, unitamente alla Russia, non hanno investito 1 soldino che sia un soldino nella manovra del popolo
  • I Sovranisti Europei che per solidarietà non hanno preso un immigrato che sia uno
  • I Sovranisti Europei che compatti votano contro la manovra del popolo
  • I Sovranisti europei che non fidandosi del Governo a Roma chiedono compatti che sia sanzionato

 

E quindi alla fine dei fatti il solo ” me ne frego” che conti qualcosa è quello di Mosca e dei Sovranisti Europei.

E mentre Mosca ed i Sovranisti Europei rompevano il fondoschiena a chi aveva la schiena dritta ed ora elemosima rispetto al Signor Spread gli unici che di noi se ne sono fregati qualcosa ed hanno evitato che ci sfondassero il fondo schiena sono stati gli Usa che da mesi investono in Italia contro la speculazione.

Grazie Zio Sam e ci sarà un motivo se Zio Igor & Friends, compresa una nota leader francese indagata per truffa ed appropriazione indebita di fondi europei, non si sono fidati dei Giallo-verdi o Verdi-giallo che sia.

E con questo siamo al fatto 1.

Per passare al fatto 2 andiamo in Francia.

Bellissima la analisi di Luc Ferry quando dice che il vero problema politico del governo francese deriva dalla seguente novità politica in Francia.

Ovvero?

Dal fatto che la borghesia è scesa in politica con i “Gilet Gialli” e non la rappresenta nessuno e quindi manifesta ma non avendo chi la rappresenti in modo organizzato il governo non sa con chi contrattare.

La borghesia.

La piccola e media.

E questo ci porta al fatto 3 in Italia.

Il fatto 3 in Italia ci dice che accade anche da noi ma da noi la piccola, media e grande borghesia per un pò pensava di essere rappresentata ed in parte lo si sente ancora.

Quella del nord est produttivo che ha votato Lega.

Quella che leggeva le pubblicità di costose auto, crociere e brand del fashion nei blog e nel mensile di riferimento del M5S.

Quella che s è trovata a Torino pro TAV.

Come pure quelle che esprime il 65 del pil italiano che era a Torino l’ altro giorno.

E questo ci porta al fatto 4.

Ovvero ai numeri 3 e 45 con l’ aggiunta di 6.

Ovvero?

3 significa il 3 per cento di ricchezza degli italiani persa da questo governo che se ne fregava.

45 significa il 45 per cento degli Italiani che investe in borsa e di cui il governo si vantava di fregarsene definendoli sprezzatamente ed arrogantemente come degli speculatori del Komplottone contro il Popolo.

Ovvero quel centro che in Italia non ha rappresentazione. Anche in Italia appunto.

Una sorta di maggioranza silenziosa dato poi va ben oltre il 45 percento.

E questo ci porta al numero 6 che fino a ieri era 7.

Ovvero?

Oh beh, i candidati alla segreteria nazionale del PD.

Tutti o quasi girovaghi che promuovono i loro libri.

Su 8 iscritti vi erano 7 candidati nel PD ed oggi che uno se ne va come candidato e che Renzi pensa di andarsene siamo a 6 candidati per 7 iscritti.

Ironia a parte guardiamo sia la patetica arroganza di Liberi ed Uguali e Potere al Popolo quando si candidarono e la non meno patetica fine che hanno fatto.

In buona sostanza il suicidio del PD di fare il congresso non nell’ ottobre 2018 come giustamente chiesto del presidente della Emilia-Romagna ma due mesi prima delle elezioni.

Per arrivare alle elezioni con tutti i distinguo dei perdenti e la storiella triste e mesta la conosciamo e ci parla di un partito che si è suicidato a causa di un congresso permanente che dura da anni.

Non la risolve certo Renzi fondando il suo partito o movimento che sia che rischia di finire come Potere al Popolo.

Anche se qui si apre uno spiraglio.

Ovvero?

Le elezioni nel 2019 sono delle elezioni politiche che chiamiamo regionali ed europee.

Quindi?

Se dopo queste elezioni il governo salta avremo 3 opzioni.

Opzione 1: La Lega fa un governo con Berlusconi e la Meloni e non si va a votare.

Opzione 2: non si riesce a fare un governo e si va a votare e se si va a votare Di Maio e tutta la leadership Pentastellata sono già finiti oggi 5 dicembre 2018 dato che sono al secondo mandato. E, per inciso, ad oggi non conosciamo nessuno degli eletti al primo mandato e non è poi così sicuro che Di Battista sia il loro nuovo leader.

Ma esiste anche una opzione 3, ovvero?

Il M5S come partito con più voti in questa legislatura riceve logicamente e legittimamente un mandato dal Presidente Mattarella e forma un governo con il PD senza Renzi venendo meno la pregiudiziale renziana.

Fa pensare no?

Eh si.

E questo ci porta al fatto 5: il tipo di manovra.

Questo governo vorrebbe attuare una manovra che è il sogno dell’ economista ultra-liberale preso a modello da Pinochet e premio Nobel Milton Friedman.

Friedman prese il Nobel dell’ economia anche perchè diceva di stampare vagonate di dollari e poi di mettere i dollari sugli elicotteri della Guardia Nazionale per poi gettarli per le strade per darli direttamente alle Persone che sapevano come spenderli meglio delle banche e di altri.

Una manovra cosidetta “assistenzialista” non fa che fare questo.

By-passare il sistema bancario non dando iniezioni di denaro da rigirare a basso costo che poi  finisce sempre per essere usato delle banche per comprare titoli di stato su richiesta del governo di turno.

By-passa anche il sistema industriale dato che non eroga finanziamenti per investimenti alla New Deal o Keynesiani che si voglia dire.

Invece i soldi sono “gettati dagli elicotteri”, ovvero dati direttamente alle Persone che poi li spendono generando pil.

Se  al governo i cultori del sovranismo che non esiste come abbiamo visto come pure del komplottone kattivone e del me ne frego con la schiena dritta  se il 45 percento degli Italiani perde ricchezza ritrovandosi col fondo schiena rotto.

Se, dicevamo, questi Eletti fossero andati a Brussels citando Friedman ed i Chicago Boys le cose sarebbero andate diversamente dato che invece che fare twit e post avrebbero argomentato con della solida teoria economica.

Eh già competenza e senza offesa per gli Eletti che come tali abbiamo imparato si offendono facilmente se si criticano con dei dati alla mano ed in ogni caso ci dicono che come Eletti sono al di sopra sia delle leggi che di chi deve farle rispettare.

Beh, per questi Eletti parlare di queste competenze è certamente meno interessante ed utile per il Popolo che parlare delle competenze che potete trovare sintetizzate in questo click.

Ma invece … beh ognuno giudichi come vuole.

Ed intanto è sicuro che anche da noi il “centro” non ha rappresentanza dato che nè questo PD come pure nè il Renzi-partito-movimento e meno che mai Berlusconi  od il Di Battista-pensiero come pure lo schiena-rizzatismo lo rappresentano.

Poi persa la illusione fiscale, sulla Fornero ed il reddito di cittadinanza verrebbe da chiedersi chi rappresenta chi e cosa, no?

E, per inciso, non è che girando per propagandare libri … che, come dire, spuntano i leader, no?

Ognuno la veda come vuole ed indubbiamente leggere è sempre utile.

 

—————————————————–

Locglob si aggiorna 3 volte al giorno per consentirvi un dinamico contatto con le cose dal mondo.

Locglob©2018

(E’ possibile ri-pubblicare integralmente senza costi solo in contesti non commerciali e per farlo si deve citare la fonte con un hyperlink attivo)

 CLICKANDO QUI I LIBRI dell’ Autore  

In VERSIONE INTEGRALE, SENZA DOVERVI REGISTRARE E TOTALMENTE GRATIS clickando qui trovate gli audio-libri di Locglob!

  • Humpolitics, romanzo N.1 in Internet dal 2015
  • Economia XXI , saggio N.2 in Internet dal giugno 2018
  • Poetic Lifestyle, poesie N.10 in Internet dal  luglio 2018
  • L´Italia che puo´dire no (i fatti non sono sovranismo), saggio N. 5 in Internet dall´agosto 2018
  • Universo Emozionale di Riferimento, business N. 2 in internet dal settembre 2018
  • Il Senso del Viaggio (dentro e fuori di sè), Renato Barletti, emozionale N.1 in Internet dal novembre 2018