Governo Ombra Dem

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Ieri a Roma in piazza almeno 30.000 Persone.

Sono tante?  Sono poche?

E rispetto a cosa?

Alle folle negli anni ´70 od  ´80 del ventesimo secolo? Ed allora sono pochine.

Ma allora sono anche tante se pensiamo che una generazione fa una marcia di 40.000 a Torino indico´ la crisi irreversibile da auto-celebrazione del sindacato Italiano come la defini´ Luciano Lama.

Sono tantissime se comparate alle pochissime presenti al funerale di Dario Fo per restare in tempi piu´ recenti.

Sono insignificanti se pensiamo alla ultima grande manifestazione della sinistra in una piazza che e´ relativa a quella contro la modifica dell´articolo 18 proposta dal Governo Berlusconi.

Ed ancora pochine rispetto al concerto del 1 Maggio 2018.

Non inseriamo in questa manifestazione quella avvenuta nello stesso giorno a Milano per una serie di motivi.

Il primo e´che non era di partito dei Dem.

Il secondo motivo e´ che per essere anti-razzisti non si deve necessariamente essere un DEM dato che anche un votante per la Lega o per i Pentastellati come pure di LeU o di Potere al Popolo o di altro come pure anche chi non vota puo´essere non razzista.

Infine non diamo benzina per il fuoco interno tra i VIP nel senso che nessuno deve poter pensare che poi essendo vicino agli organizzatori di Milano poi possa far valere queste almeno 20.000 Persone come suoi votanti nella beghe interne al congresso.

Sono due cose distinte se l´ argomento e´ la condizione del PD in Italia e ci togliamo fuori dal gioco del leccaculismo referenziante i soliti generali senza trUppa ma vogliosi di trIppa.

E lo sono anche in merito all´essere anti-razisti dato che non e´ una dimensione solo dei Dem.

Premesso questo andiamo a vedere il PD.

Il punto cardine del PD e´quello di essere inesistente se non inconsistente.

Se la vigliaccata di non andare ai funerali di Genova e´ un apice forse il tutto e´ iniziato tanto tempo fa.

Quando da Bella Ciao l´essere di sinistra in Italia era descrivibile con questa bellissima canzone che si ascolta clickando qui.

Ed in merito alla canzone e´ d´obbligo una nota in merito.

Anche i rivoluzionari , innovatori, sovranisti, pauperisti,anti-Nato, anti-global ora al potere se notate bene in televisione e nelle foto sono rigorosamente griffati (magari finto povero) e con costosi orologi e penne ed in questo cosi´ cool, in , alla moda, trendy, gnocche e gnocchi come i loro colleghi globalisti, pro-Nato, europeisti, sindacalisti, intellighenzia. Solo un inciso dovuto per onesta´ intellettuale ed andiamo avanti. Ah, i soldi per comprare tutto questo armamentario cool and fashion sono i nostri ovviamente meritati per il loro lavoro pro-sovranismo/anti-globalismo e pro-globalismo/anti-sovranismo.

O quando le Persone, i Cittadini, i Votanti si sono disgustati nel vedere troppa intellighenzia incassare in nero parte dei compensi per i loro seminari sul come essere  etici e di sinistra.

O su una leadership sindacale che accusa di fascismo chi chiede che siano certificati i bilanci per redicontare su un miliardo di euro di soldini pubblici.

O la percezione ,( giusta o sbagliata che sia in media), sulla esistenza di troppa parentopoli, scopatopoli, correntopoli sempre  cosi´ ” fikos e migliori” da essere subito nei posti giusti con tanti soldini da stipendio certi a fine mese. Qualcuno disse che in un certo Governo i VIP della sinistra entrarono con le toppe al culo per poi uscire con le limuosine. In tanti hanno giudicato  votato in merito, no?

O disgustati dall´appoggio interessato  a chi in Industria Etica Italia ha mangiato miliardi dopo miliardi gestendo la immigrazione come un business che rende piu´ della cocaina e che ha generato una percezione sulla immigrazione che non solo e´ falsata ma porta voti ad altri.

E via dicendo .

Con queste premesse che ci parlano di inconsistenza vediamo poi che il PD e´ inesistente come percezione.

Perso tra cene che non esistono o che esisteranno.

Cene con VIP o con pVoletaVi.

Perso tra passi in avanti, indietro, di lato, di sopra e di sotto necessari.

In buona sostanza inesistenti.

Prendiamo la manovra in corso.

Nessuno inteso come partito compatto ha fatto notare che l´attuale Governo invece che sforare poteva essere coerente con quanto promesso e trovare almeno 45 miliardi nella prima riunione ministeriale.

Come?

I 30 miliardi che il Vice Premier Di Maio diceva di sapere come sprechi e che avrebbe abolito nella prima riunione conoscendo benissimo quali fossero e come porvi fine.

I 5 miliardi alla immigrazione che il Vice Premier Salvini diceva essere male spesi da industria Etica Italia e dalla Prefetture che li erogavano e che avrebbe sistemato anche chiudendo le Prefetture che riteneva inutili. Ed anche questo alla prima riunione.

I 10 miliardi per gli “80 euro di Renzi” sempre definiti come una marchetta elettorale da togliere subito.

E siamo a 45 miliardi di cui nessuno parla piu´ dato che non sono conseguibili come i 600 o 700.000 da espellere in 15 giorni.

Ma qui il PD tace.

E tanto altro come i 17 miliardi di coperture gia´ presenti sempre secondo il Vice Premier di Maio che avrebbero stornato nella famosa mitologica prima riunione di Governo.

E con questi miliardi siamo a 62  miliardi che in campagna elettorale avevano giurato essere disponibili dalla prima riunione di Governo.

Giuramenti bufala da campagna elettorale come quello sui 6 o 700.000 che potevano espellere in 15 giorni e non in 80 anni o cosa e´successo a questi miliardi che sono circa il doppio della manovra in deficit?

Tace su questo il PD in quanto non esiste come partito che parla e dice.

Esistono solo le comparsate televisive e negli spazi da editoriali come pure nei social dei VIP che da un decennio sono in congresso elettorale permanente.

Ed e´ questo non parlare e non il  cosidetto parlare alla pancia degli altri che spiega il 4 marzo.

E quindi?

Oh beh e´semplice.

La settimana scorsa ho avuto una giornata di lavoro per identificare un Universo Emozionale di Riferimento con dei VIP del PD e di area Dem e LeU. Persone nella segreteria nazionale  e capi di alcune correnti come pure esterni che dicono di avere voti.

Un incontro gratuito nel senso che non mi sono fatto pagare come sara´gratuito quello sullo stesso tema che e´ in divenire con due o tre Ministri e VIP delle forze politiche al Governo entro fine anno.

Incontri gratuiti con entrambi perche´ considero che se quel poco che so possa in un qualche modo aiutare con qualche ideuzza allora per questo, per aiutare il mio paese, non devo incassare soldini.

In quell´incontro ho evidenziato queste inesistenze ed inconsistenze e poi ho concluso con una proposta.

Quale?

Mutuando dalla esperienza Britannica.

Ovvero il creare un Governo Ombra in cui delle Persone del PD siano ministri specchianti quelli del Governo e come Governo Ombra e Ministri Ombra fare controproposte mirate e puntuali.

E quindi ed ovviamente il termine “ombra” non ha alcuna connotazione negativa o komplottistica ma, come nella migliore tradizione parlamentare Britannica, esprime solo il fatto che e´ il governo che la opposizione ha pensato per essere opposizione.

Tutto alla luce del sole quindi.

E come sarebbe composto questo governo ombra?

Prendiamo i membri dela segreteria nazionale del PD ed in base alle loro funzioni consideriamoli come ministri. Nel caso non esista un omologo si pone un punto interrogativo confidando che poi il PD semmai facesse un governo ombra sapra´chi porre in quel ministero.

Consideriamo la segreteria nazionale e non il “toto ministri” dei media dato che un partito come il PD di sicuro ha posto i suoi migliori e non si e´ perso nel manuale delle correnti lottizzanti.

Una breve nota sul metodo usato.

I dati sono derivati da queste fonti ufficiali:

La elencazione dei Ministeri come potete ben vedere segue rigorosamente quella del sito del Governo e quindi non implica in alcun modo un giudizio di merito sulla importanza relativa dei vari Ministeri.

Ed ecco cosa abbiamo:

Ruolo Governo in carica Governo Ombra

 

Presidente del Consiglio Giuseppe Conte Maurizio Martina
Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per la Democrazia Diretta

Riccardo Fraccaro

Gianni Cuperlo
Ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Buongiorno ?
Ministro per gli Affari regionali e Autonomie Erika Stefani Matteo Ricci
Ministro per il Sud Barbara Lezzi Teresa Bellanova
Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana  ?
Ministro per gli Affari Europei Paolo Savona Piero Fassino
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Enzo Moavero Milanesi Lia Quartapelle
Ministero dell’Interno Matteo Salvini  ?
Ministero della Giustizia Alfonso Bonafede  ?
Ministero della Difesa Elisabetta Trenta  ?
Ministero dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria Francesco Boccia
Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

 

Luigi di Maio Chiara Gribaudo

 

E sulle politiche sociali:?

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio  ?
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa  ?
Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli  ?
Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Marco Busetti  ?
Ministero per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli Mila Spicola
Ministero della Salute Giulia Grillo Pietro Barbieri
(Nota le fonti sono consultate in data 1-10-2018 alle 8.30)

Nella riunione indicata dopo aver letto la lista feci notare come sia facile percepire come inconsistente ed inesistente un partito che nella sua segreteria nazionale non abbia delle Persone esplicitamente incaricate per dimensioni fondamentali quali gli interni, la difesa, la sanita´ ed altro.

Ma andiamo avanti dato che il senso di questa analisi e´un altro.

E quale sarebbe?

Beh, definire come in ogni paese serio quale e´ il nostro sia il governo di chi ha vinto le elezioni che quello ombra di chi le ha perse.

Ora le squadre sono definite e per i posti vacanti ponete chi volete voi.

Le squadre sono definite e lo scontro sono le politiche del 2019.

Politiche de facto e non solo regionali od europee come ben sappiamo tutti.

Il miglior in bocca in lupo alle due squadre di Governo e vinca il migliore.

Ma sopratutto che vinca questo Paese!