Momenti chiave quotidiani: Le BALLE che raccontano sul rating Fitch … 22 mattina

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Iniziamo a capire su cosa informano questi rating partendo dal sito di Fitch le cui spiegazioni sono leggibili clickando qui

Il quinto paragrafo dice: ” Fitch’s credit ratings do not directly address any risk other than credit risk. In particular, ratings do not deal with the risk of a market value loss on a rated security due to changes in interest rates, liquidity and other market considerations. However, in terms of payment obligation on the rated liability, market risk may be considered to the extent that it influences the ability of an issuer to pay upon a commitment. Ratings nonetheless do not reflect market risk to the extent that they influence the size or otherconditionality of the obligation to pay upon a commitment (for example, in the case of index-linked bonds).”

Cosa dice?

Che le valutazioni non parlano altro che del credit risk e quindi le analisi politiche che la stampa Italiana, (una volta contro Berlusconi ed oggi su questo al momento ancora ipotetico governo), non esistono nel documento di Fitch.

Nell’ ottavo paragrafo dice ” Rating Assessment Services are a notch-specific view using the primary rating scale of how an existing or potential rating may be changed by a given set of hypothetical circumstances. Rating Assessments are point-in-time opinions. Point-in time opinions are not monitored, do not have Outlooks

Cosa dice?

Che le opinioni di un rating non contengono previsioni per il futuro al contrario di quello che ci racconta la stampa nostrana. E che basandosi su circostanze ipotetiche, (come  evidenziano più volte nel rating), possono cambiare sia al variare dei fatti come pure della considerazione di altre circostanze ipotetiche.

Ed in ogni caso per questo motivo non forniscono outlooks, ovvero previsioni. E le previsioni che non esistono in bocca a questo documento sono messe dai commentatori nostrani che, e dovrebbe far riflettere, usano le stesse parole e gli stessi toni usati con Berlusconi. 

Una volta smontato quello che la stampa Italiana accredita al rating in termini politici avendo visto che la stessa Fitch avverte non avere valenza politica analizziamo il rating.

Visto che i Lettori non sono ” incolti da educare che credono solo a panem et  fake news tetti e culi in televisione” come  detto in un altro articolo crediamo che debbano sempre poter accedere alla fonte e clickando qui  potete leggere voi stessi quanto dicono gli analisti della società di rating e farvi la vostra opinione in merito.

Partono da una premessa così ovvia che anche all’ asilo ci arrivano. Ovvero dicono che la incertezza delle politiche fiscali può dare risultati che indeboliranno il credito. E’ implicito ovviamente nel caso che queste politiche non funzionino. Se funzioneranno, quindi, non lo indeboliscono.

Poi con una serietà che manca alla stampa Italiana nella frase successiva possiamo anche leggere “ow far these risks will translate into weaker credit metrics is uncertain and will depend on the government’s ability to implement its programme ”

Ovvero la onesta ammissione che non è prevedibile in che misura indeboliranno il credito ma anche che non è detto che avvenga dato che tutto dipenderà dalla capacità del governo di implementare o meno quello che promettono. Se gli aspetti fiscali che sapranno implementare genereranno una crisi questo negativamente impatterà sul valore dei titoli di stato Italiani. Ma se invece  genereranno una crescita è chiaro che il debito avrà migliori performance.

E’ un peccato che la stampa ed i Guru Italiani non abbiano letto  il secondo paragrafo del report ma andiamo avanti.

Nel paragrafo 3 se da un lato evidenziano nuovamente i rischi di una politica fiscale di tipo espansivo, (ovvero la riduzione delle imposte), dall’ altro rilevano anche – con onestà intellettuale e serietà analitica che in Italia in tanti non vogliono avere – che i partiti della possibile coalizione di governo hanno cambiato molte posizioni negative verso Brussels e l’ Euro, (nel senso che hanno abbandonato l’ idea di uscirne).

Confermano inoltre che fino ad ottobre 2018, ovvero quando esce il documento programmatico della finanziaria 2019, non si possono fare stime nè in senso negativo e nè in senso positivo, (paragrafo 5).

Ovviamente e logicamente rilevano che le misure da un lato genereranno un aumento del deficit ed evidenziano che stimano che le misure fiscali previste non controbilanceranno in termini di entrare questa impennata di deficit.

Ma, ed anche questo sfugge alla attenta stampa Italiana come pure ai Guru che dicono di aver letto il documento, ammettono anche nel paragrafo 6  che non è detto che poi questo governo non posticipi la implementazione di quello che dice di voler fare od addirittura non la implementi affatto. Ricordiamoci della Grecia … un conto era il programma per farsi eleggere salvo poi non attuarlo una volta eletti.

Ed è un peccato ce sfugga quando nel paragrafo 8 si evidenzia che la bomba ad orologeria certa è quella della situazione delle banche. anche se rilevano i miglioramenti strutturali del sistema nel ridurre le criticità.

E qui e con ragione (ultimo paragrafo) evidenziano che ridurre la capacità della banche di creare dei filtri anti-defualt è un problema. E questo si che è un rischio che appare certo ed un problema.

Ovvero una analisi seria che non smette mai di ricordarci le due premesse chiave sui cui si basa, ovvero:

Premessa 1: may be changed by a given set of hypothetical circumstances, si basa su una serie di circostanze ipotetiche che, quindi, se vengono cambiate fanno cambiare anche il rating.

Premessa 2:  Point-in time opinions are not monitored, do not have Outlooks, questo tipo di analisi non sono monitorate e non sono delle previsioni sul futuro.

Sulle ipotesi non si ipoteca la vita delle Persone ma si fa campagna elettorale permanente, no?

E questo vale quando le ipotesi erano contro Berlusconi o contro Renzi ed oggi contro questo governo che non sappiamo se e come  esisterà dopo che il Quirinale si pronuncerà.

Troppe carriere di troppi guru da talk-show e politici urlatori tutti-partisan si sono fatte sulle … ipotesi.

Speriamo che nessun imprenditore o lavoratore si ammazzi perchè grazie a queste ipotesi sbandierate come se fossero il Vangelo qualcuno si ritrova senza speranza per il futuro.

Su queste basi, con queste premesse ognuno si legga il testo originale e ne ricavi la valutazione che vuole e certamente rileverà che non abbiamo aggiunto o tolto nulla al testo originale dato che rispettiamo i Lettori che sanno valutare da soli.

Ovviamente anche sulle “imprecisioni” di troppi ognuno tragga le valutazioni che vuole.

Un modesto consiglio: questi rating sono documenti pubblici e quindi ogni volta che ne  arriva uno è buona regola andare nel sito dell’ emittente e leggerselo insieme al disclaimer che ne spiega valenza e limiti e poi leggere quello che dicono gli esperti (sempre interessati) nostrani.

——————

CLICKANDO QUI I LIBRI DI LOCGLOB

Locglob si aggiorna 3 volte al giorno per consentirvi un dinamico contatto con le cose dal mondo.

Locglob©2018

(E’ possibile ri-pubblicare integralmente senza costi solo in contesti non commerciali e per farlo si deve citare la fonte con un hyperlink attivo)