Eventi che ci SFUGGONO …. 21 marzo sera

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

1- COSE DAL MONDO

  • Da Tripoli: Qatar ed Egitto un problema per la Libia mentre non lo è l’ Arabia Saudita
  • Dal mondo di Big Data: le stime sulla sovra popolazione erano errate
  • Dal mondo della guerra: quando essere soldatesse è emancipazione
  • Dal mondo automotive: difficile provare che un robot possa guidare meglio di una Persona
  • Dal mondo di Internet: Utswo ha creato soluzioni che riducono la paura nei bambini ospedalizzate e nei loro genitori
  • Da Riyadh: è legittimo che si abbia una bomba atomica

 

  2- LE DOMANDE SCOMODE DALLE COSE DEL MONDO

Paura …paura … poi panico… terrore … razionalità da paure che è irrazionale per chi naviga con altre mappe mentali e … boom.

Boooooom, come la atomica Saudita.

Ovviamente se un giorno l’ avrà Teheran, che è si Mussulmano ma Sciita, e quindi alla fine del secolo Arabo-sunnita la Casa Reale Saudita non si fida più della protezione della bomba atomica Sunnita in mano al Pakistan dato che i Pakistani sono si Sunniti ma non Arabi.

A differenza degli Iraniani i Sauditi hanno dell’uranio nel proprio territorio come pure accordi con la Francia per avere delle centrali che non sono in grado però per arricchire il materiale fissile per un uso militare.

Non gli mancano certo i soldi e le persone di talento e quindi non dobbiamo stupirci se entro al massimo 5 anni l’ Arabia Saudita entri nel club delle nazioni “6 months beyond”. Ovvero quelle che in 6 mesi posso avare la prima arma atomica. Un club di cui fanno parte tutti i paesi Europei e non solo dal Brasile a Taiwan.

Domanda: ma alla luce di tutto questo quando iniziamo a realizzare le idiozie che ci propinano su un monolite di almeno un miliardo di Mussulmani?

Alla luce di questo non sovra accreditiamo di nuance su di un fronte compatto che non esiste le dichiarazioni di Agila Saleh, lo speaker del governo Libico riconosciuto, quando dice che i Sauditi sono i garanti della stabilità Libica mentre Egitto e Qatar non lo sono.

Non sovra accreditiamo questo come prova di un monolitismo Islamico che ne fa un muro compatto dato che in questi stessi giorni i Libici stanno iniziando una operazione militare su larga scala per cacciare altri Mussulmani dal loro paese. Mussulmani che non sono Arabi ma Africani dal Sahel.

Paura come quella di venire uccisi se si abusa del proprio fallo che un maschilista associa al vedere una donna in uniforme armata.

Quello che pensano chi affronta le soldatesse Curde e fa pensare che vi siano ancora parti del mondo in cui la libertà delle donne richieda questo.

Ma è meglio essere onesti e non ipocriti. Se nei vari territori Kurdi le donne combattono anche per questo da noi devono ancora combattere per la stessa libertà dato il livello di omicidi e violenze quotidiane da parte di troppi maschi col fallo al posto del cervello, no?

Paura da fallo-celebrale quindi per questo mai giustificabile e sempre e solo sanzionabile.

Paura come quella di chi teme un robot alla guida di una auto.

Se può essere giustificabile in quanto comprensibile quella di chi teme che questo si traduca nella perdita di lavoro delle Persone che guidano gli autoveicoli non è nè comprensibile e tantomeno nè giustificabile in chi teme questo in quanto progresso.

Certamente il fatto che un’ auto robot abbia ucciso una donna a Tempe, in Arizona, non aiuta ad avere una analisi serena.

Ma la domanda scomoda allora non dovrebbe essere: siamo o non siamo pronti?

Già pronti, ma a cosa?

A non dimenticarci che la tecnologia sbaglia se sbagliamo noi e questo accade solo in quattro casi.

  1. Quando non è pronta e la si usa.
  2. Quando la si usa senza saperla controllare
  3. Quando in mala fede la usiamo per fare del male
  4. Quando la si lascia senza regolamentazione.

E questo ce lo ricorda la buona tecnologia come quella di Ustwo che ha sviluppato sia una app operante con intelligenza artificiale che un gioco in un contesto di realtà aumentata che serve ad abituare sia i bambini che i loro genitori a cosa accadrà quando i bimbi sono ricoverati.

Ovvero paura vinta in questo caso.

Paura e dovrebbe fare riflettere che secondo un sondaggio di Linkedin tra i propri iscritti le migliori aziende in termini di benefit e flessibilità provengano dai settori delle economia reale che secondo la vulgata comune fanno più paura: tecnologia, media e finanza.

Che strano proprio i settori più odiati dagli oscurantisti, strano?

Non tanto, anzi per nulla se ci ricordiamo di Kant che diceva che lo scontro tra chi voleva il progresso  e chi la conservazione non era altro che lo scontro tra due elite al potere. Di cui una sapeva che col progresso avrebbe vinto mentre l’ altra che avrebbe vinto con la conservazione oscurantista.

 

3- IL FILO CONDUTTORE

Paura.

Oggi, nel tempo che chiamavamo pomeriggio, la insostituibilità era la chiave dominante nei percorsi emozionali.

In quella che da noi è la sera domina la paura.

In tante forme e contesti e non dobbiamo stupircene viste le premesse sulla insostituibilità.

Paura ed allora la domanda è solo una e molto scomoda: dove si traccia il confine tra la paura positiva, ovvero una sana prudenza, e quella negativa, ovvero il terrore che ci blocca?

 

——————————————————————

CLICKANDO QUI I LIBRI DI LOCGLOB

Locglob si aggiorna 3 volte al giorno per consentirvi un dinamico contatto con le cose dal mondo.

Locglob©2018

(E’ possibile ri-pubblicare integralmente senza costi solo in contesti non commerciali e per farlo si deve citare la fonte con un hyperlink attivo)