I 14 criteri per definire se un ristorante sia resiliente

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Siamo pieni di guide e circondati da blogger che appartengono al circo dei giudizi a pagamento.

Puoi pagarmi? Si, bene sei recensito.

Non puoi pagarmi? E´un tuo problema. Se ti va bene non parlo mai di te ma se invece devo riempire spazio allora ti stronco.

Non siamo forse in grado di decidere da soli se un ristorante meriti il nostro tempo ed i nostri soldi?

Certo che lo siamo.

E qui sono elencati i 14 elementi chiave per stabilire se un ristorante sia o meno resiliente.

Elementi identificati mediante la metodologia di business olistica per la economia positiva nota come Leverage Cognitive Power.

Elemento1: Approvigionamento

Ovvero? Quanto sul totale degli ingredienti usati e´se non a chilometro zero almeno nazionale?

E quello che non e´quanto e´giustificabile?

Per intenderci un paio di esempi. Il caffe´e´sicuramente non a chilometro zero per ovvi motivi dato che in Italia non si coltiva. Ma se chiediamo dei vini internazionali allora il ristorante e´ovviamente scusato per il fatto che il chilometraggio e la anidride carbonica per arrivare nel nostro bicchiere siano un pochino elevati.

Elemento 2: Preservazione della bio-diversita´

Il seme degli ingredienti e´naturale o geneticamente modificato? Ed il mangime della carne che mangiamo? E quello per allevare le galline per le uova usate? E quello per cibare i pesci in allevamento?

E le vigne?

Elemento 3: Cucina sana

Ovvio poi non ci lamentiamo se non ha quella salsina cosi´ sfiziosa da 3000 calorie ogni 100 grammi.

Poi che sia vegetale o meno dipende dai nostri gusti. Non possiamo imporre come criterio di resilienza il fatto che un ristorante non sia vegetariano o vegano.

Elemento 4: Non si butta via nulla

Ovvero compra un animale intero e poi sperimenta tagli di carne non convenzionali al fine di ridurre gli scarti in un mondo dove con i nostri scarti alimentari possiamo sfamare chi non ha cibo.

E lo stesso dicasi per i vegetali e la frutta sperimentando un uso che riduca al minimo lo scarto.
Infine per quello che non viene mangiato ma che deve essere buttato il ristorante regala il suo cibo ad una associazione che lo utilizza per chi ne ha bisogno?

Elemento 6: Si anche alla carne e mica siamo tutti Vegetariani o Vegani

Il fattore discriminante e´che venga da allevamenti con una certificazione resiliente emessa da Enti Certificatori riconosciuti come seri e non dal cuginetto veterinario.

Elemento 7: Pesce resiliente

 Che sia pescato in  maniera umana e non facendo soffrire con una mattanza.

Che sia pescato quando concesso e non di frodo nei periodi di ripopolamento.

Se allevato che provenga da allevamenti resilienti.
Che le ricette del ristorante promuovano quando possibile del pesce nazionale anche se meno cool, pardon “fico”.

Elemento 7: I Fornitori

 Che sia noto per trattare bene i suoi fornitori e meglio se piccoli agricoltori locali.

Ovvero che operi con una logica di business di tipo Prosumerzen.

Elemento 8: I Vini

 No pesticidi ed affiliati nel produrlo, please.

Se internazionale che sia da fonti che garantiscano il giusto guadagno ai Produttori.

Ovvero ed ancora che operi responsabilmente secondo una filosofia di business Prosumerzen.

Elemento 9: Acqua

 Si fanno le guerre per avere dell´acqua.

Chiedere solo acqua filtrata in bottiglie riutilizzate di vetro.

Elemento 10: Proattivo

Il ristorante ha una reputazione di impegno effettivo in termini di economia positiva, per esempio, nelle manifestazioni locali che aiutano i piccoli produttori?

Elemento 11: Comunita´

 Il ristorante ha una reputazione come operatore di tipo Prosumezen nella comunita´?

Ovvero e´un Cittadino responsabile che la aiuta concretamente?

Ad esempio dando il cibo a chi lo raccoglie per i bisognosi.

Offrendo un lavoro a chi ha bisogno appartenendo a gruppi sociali ritenuti erroneamente problematici come gli ex- tossicodipendenti o gli ex-carcerati?

Elemento 12: Personale

Il ristorante non ha una  fama che parla di discriminazione sul sesso o sul colore della pelle piuttosto che sulla eta´o la religione.

Oppure si dice che non paghi il giusto o che sfrutti chi lavora per lui.

Quando entrate osservate e giudicate.

Elemento 13: Ambiente

Se vedete i loro raccoglitori della mondezza in strada vi sembra che facciano la differenziata?

I piatti sono cucinati con un approccio gram correct portioning?

Elemento 14: Interior Design

 Usano carta reciclata per i menu´?

Lampade a basso consumo?

Se hanno un dehor contrastano gli insetti con metodi naturali come, ad esempio, i gerani o la citronella?

Ora siete in grado di valutare da voi e di votare andando o meno in un ristorante.

Questo mondo e´ “liquido” da sempre nel senso che, come abbiamo visto parlando dei 6 Generatori di Concretezza nei Capisaldi del Benessere, da sempre la tradizione piu´forte e´che le cose cambiano sempre.

Prima o poi.

E quando questo avviene allora, come abbiamo visto, le rivoluzioni sono retroattive dato che vengono generate in un dato tempo e spazio dalla energia Emozionale accumulata nel passato.

Poi appena avvenute accade che in un istante immediatamente successivo, istante che chiamiamo futuro, le rivoluzioni divengano “solo e semplicemente” le nuove tradizioni.

E con le tradizioni arrivano le regole che, da sempre, per funzionare hanno bisogno delle eccezzioni.

Eccezioni che col tempo si accumulano generando la massa di energia Emozionale che poi scatena la nuova rivoluzione che, come ora comprendiamo,ha sempre effetto retroattivo.

E da sempre, da molto e molto prima di Internet,votiamo anche decidendo cosa comprare o non comprare.

Si chiama boicottare chi non ha un approccio economico di tipo Prosumerzen e facendolo si attua The Uprising sostenibile e resiliente, la rivolta sostenibile, non violenta e resiliente contro quello che non funziona.

Decidiamo noi chi merita il nostro denaro e non altri che per dedicere per noi sono sempre e comunque pagati da qualcuno.

Ovvero, sempre e comunque, siamo persone Sei-hai.

Persone che hanno in quanto sono e quindi in grado di decidere da sole.