Le sabbie-di-luce di Lenka, ovvero la magia del cristallo di Boemia

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

La prima volta che ho visto le sabbie contenti luce di Kvetna 1794 fu grazie ad un hyperlink in Skype.

Anni orsono e conobbi anche Lenka,pardon conobbi la sua energia nella forma della sua voce dato che avevo un problema di connessione e non potevo usare la opzione video per comunicare.

Da allora le due vite si fondono.

La vita di una donna che realizza un sogno e quella di un marchio che genera emozione.

Siamo in un mondo che cerca se stesso perso in una marea di conoscenza che ci asfisia dato che non ci porta a comprendere.

Quando vidi per la prima volta questa cristalleria di haute gamme pensai ad una opera di Micheal Craig-Martin che nel 1973 pose un bicchiere su una semplice mensola in vetro.

E mi ricordai che la radice di quel vetro era nella terra ed in questo caso sabbia che diviene luce nel fuoco fecondata dal sapere di mastri vetrai.

Mi misi a sfogliare in internet le foto e mentre lo facevo nasceva la consapevolezza della purezza del disegno di Weiner Werkstätte che “altro” non faceva che rendere piu´belli gli oggetti che poniamo sullo sfondo della nostra quotidianita´.

Eh si quanto avevano ragone Josef Hoffman e Kolman Moser in questo.

Quotidianita´e la mente correva a sentire come una leggenda come la prima Jeep baciava l´aria e la parte in me che pensa a story telling che generano narrativa di brand alla fine sorrise ricordando che se le cose nascono come soluzione ad un problema pratico poi, a volte, finiscono per mutarsi in brand.

Lasciamolo sullo sfondo.

Ora passiamo al cuore ed alla mente di questo.

Incuriosito da quella voce e dalle immagini cercai delle foto che mi parlassero di questa donna. O meglio mi dessero altre sfumature oltre a quello che percepivo dalla passione delle cose, della vita nella sua voce. Ne trovai ed un in altro schermo posi una foto mentre la ascoltavo e vedevo il frutto di questa vita.

Poi il tutto conflui´nelle cose della vita ed il tempo trascorse portandoci a percorrere strade che non si incrociavano.

Tempo fa Lenka Kosikova, amministratrice delegata in Italia del gruppo Ceco, ha creato una partnership con Gambero Rosso che quel e´stata sospesa per eccesso di rialzo incassando un piu´11 e 7 percento.

Ma non parliamo di questo.

Questo lasciamolo agli analisti finanziari. Locglob e´nato applicando una metodologia di project management che e´ olistica dato che incentrata sulle Persone e sulla loro etica.

Una metodologia che trasforma i sogni in risorse e con queste risorse poi si realizzano i sogni.

Come potete vedere  clickando qui questa rubrica e´la numero uno al mondo sul design vivibile in Google su 2440000 siti e lo siamo dopo solo 6 mesi di vita perche´parliamo del cuore delle Persone che realizzano i sogni per rendere la nostra vita migliore. Parlare delle emozioni per le emozioni con la credibilita´che deriva dall´essere il numero uno al mondo.

Quindi?

Beh e´semplice dato che quindi torniamo al solo story telling che conti parlando di oggetti, compagni di quotidiano emozionali.

Ed in quanto tali perche´fecondati dal sogno di una donna, Lenka in questo caso.

Ovvero alle Persona che ha sentito il sogno e questa Persona e´Lenka.

E continua la storia partendo ora da questa foto di Marco Grandelis.

Lei, una fede al dito che parla come un simbolo di sogno del cuore e non di un marito e la luce della sabbia che diviene cristallo.

Luce e lei viene dalla Boemia.

Murano, Bacarat e Boemia sono i luoghi in cui le sapienze dell´uomo si sono fuse con la fantasia trasformando la terra in luce concentrata.

Ovvero in cristallo.

Luce come quella magica dei cineasti Cechi a cui si ispirarono i registi della nuovelle vouge cenematografica Britannica ad inizio degli anni sessanta del secolo scorso. Tanto per citarci un esempio del nostro tempo per non perderci in leggende che non sono nostre.

Luce, appunto ed allora immaginiamo una cosa.

Se un capolavoro come la Bmw i8 conia il termine di attraversa-luoghi per definire una automobile.

Se le stilografiche di poche aziende sono strumenti per scrivere.

Se gli orologi di una elite di produttori sono in realta´dei segnatempo.

Se tutto questo accade allora i cristalli di Lenka non sono solo dei calici di vino o dei decanter o delle bottiglie ma sono sabbie-di-luce.

Sabbie-di-luce che segnalano la propria origine marcando il territorio del nostro quotidiano.

Trasliamo ora nel marketing ripensando ad un libro profetico che Berger scrisse nel 1972 e che si intitolava Ways of Seeing.

Eh si, vedere per sentire una risposta emotiva.

I cristalli di Lenka servono a vivere una cultura millenaria come e´quella che viene dal vino.

Sangue del sacrificio del lavoro che diviene sapore nel nostro palato per ricordarci una delle tante sfumature della cultura di Madre Terra.

Ma il piacere, unico e dire sensuale sarebbe troppo banale, inizia ben prima che il nostro palato possa toccare il vino.

Inizia quando gli occhi ne baciano la luce che armonizza il poliedro delle sfumature del liquido.

Quando l´olfatto ne sente la forza della terra in cui sono nati.

Nascono in un calice , ovvero all´interno di sabbie-di luce.

Ed il bisogno pratico che le sabbie-di-luce di Lenka soddisfano e´quello sensoriale di percepire una delle forme della cultura con cui si manifesta Madre Terra.

Kvena lo produce ma Lenka li sogna.

Una storia di una donna che si fonde con la forza di una tradizione secolare per generare quello che  Berger nel 1972 defini´come oggetti reali.

Oggetti reali, sabbie-di-luce ovvero elementi che trasformano uno spazio in un luogo.

Genarano emozione per farlo ed altro non puo´essere essendo nati dal sogno di una donna.

Oggetti emozionali e quindi Alimento Padre del nostro vivere come Persone Sei-hai.

Anime che hanno in quanto sono.

E non stupidi pupazzi manipolati dal marketing che hanno per essere.

Una donna, Lenka, ed una emozione, Kvetna.

 

Nota Editoriale: Le Ideamovers

LocGlob analizza ogni giorno più di 12000 fonti tutti-partisan selezionate da un infoaggregatore unico al mondo, Inputrends,che ne monitora 80000.

Questo perchè siamo consci che il vero potere non risieda nella informazione ma nella comprensione delle cose.

Le Ideamovers, ovvero le 10 Rubriche, del Palinsesto di LocGlob

Settimane 1 e 3 del mese

Lunedi´:Economia Positiva

Martedi´:Benessere

Mercoledi´: Fashion Consapevole

Giovedi´: Design Vivibile

Venerdi´: Travel Eclettico

Settimane 2 e 4 del mese

Lunedi´: Motori, Cultura e Lifestyle

Martedi´: Food Intelligente

Mercoledi´: The Uprising: la Rivolta Sostenibile e Resiliente

Giovedi´: Tecnologia Sostenibile e Resiliente

Venerdi´: Citta´da Vivere

Ogni Sabato il Supplemento Settimanale

Ogni giorno una analisi in 2 o 3 puntate pubblicate alle 12 e 15, 17 e 15,  20 e 30 e replicate nelle 24 ore.

Locglob si sviluppa grazie alla metodologia di gestione aziendale e project management olistico per la economia positiva nota come Leverage Cognitive Power che trovate clickando qui.