Storytelling: il branding del terrorismo (1/3)

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Non ci uniamo al coro di commenti  sulla morte di al-Baghdadi e sulla liberazione di Mosul  “solo e semplicemente” perche´da 3 anni abbiamo previsto questo con dati che erano a disposizione di tutti a volerli vedere.

Ma la vulgata colta era cinicamente interessata a fare macelleria.

Macelleria editoriale per vendere libri ed avere audience nei programmi.

Macelleria elettorale con leader politici che ci raccontavano che un ISIS senza una flotta avrebbe non solo dominato il Mediterraneo ma anche organizzato uno sbarco sullo stile di quello in Nomandia in Sicilia sbaragliando in un battibaleno le almeno 600 navi da guerra della Nato.

E poi avrebbe colonizzato l´Europa mettendo in ginocchio in men che non si dica un apparato militare di circa un milione di mezzo di soldati Nato armati con armi che al confronto di quelle dell´ISIS, (fucili d´ assalto, bazooka, veicoli pick-up con mitragliatrici), erano e sono armi del ventiquattresimo secolo.

Non vi e´nulla da ridere dato che per 3 anni questa era la vulgata per tutti o quasi sui cui in troppi hanno lucrato generando un terrore che poi aiuta a spiegare la psicosi collettiva in Piazza San Carlo a Torino la notte della finale di coppa.

E nei pochi al mondo che erano derisi in controccorrente a questo trend di macelleria editoriale ed elettorale c´eravamo noi sia con LocGlob che con la pubblicazione gemella AppealPower e le date sono li´a dimostrarlo come pure i piu´di 5.000 attacchi da gennaio 2017 quando pubblicavamo le analisi geopolitiche.

Pertanto non ce la sentiamo di annoiare i nostri Lettori riproponendo cose che ora dicono tutti contraddicendosi rispetto a quello che dicevano ieri mentre noi diciamo in solitaria da sempre.

Oggi parliamo di altro relativamente a gruppi come ISIS e parleremo del loro branding in una analisi in tre puntate che un approccio culturale parlando dello storytelling del branding  del terrorismo.

Ma per poterlo fare e´bene aprire tre parentesi che contengono elementi chiave per comprendere il tutto.

La prima parentesi ci serve a definire come sia codificabile una realtá come ISIS, ovvero il suo essere una realta´non statale violenta di tipo insurrezionale.

La seconda ci parte serve a capire la differenza chiave rispetto ad Al Qaeda ma non rispetto ad altri movimenti simili.

Le terza parentesi ci parla di come sia definibile il terrorismo e questo ci portera´a dire che la definizione di guerra asimettrica in realta´sia una bufala mediatica utile ad ignoranti leader politici gnocche tacco 16 come pure gnocchi abbronzatissimi.

Iniziamo con la prima parentesi esplicativa che ci porta a definire ISIS come viene fatto nella dottrina geopolitica.

ISIS e´definibile come una realta´di tipo non statale, ovvero un not state actors od anche Nsa, ed e´riconducibile ad una delle 32 tipologie di questa realta´che trovate clickando qui.

Nel particolare un Nsa violento di tipo insurrezionale e non criminale dato che anche il crimine transnazionale e´a sua volta una realta´di tipo non statale definita come Nsa violento criminale.

ISIS e´un NSA dato che nel pratico nei territori sotto il suo controllo implementando la sua visione deformata dell´Islam soddisfaceva a 3 dei quattro elementi che per il diritto internazionale caratterizzano una entita´politica territoriale come stato.

Nel pratico ISIS era uno stato percepito per una parte dei Sunniti delle Tribu´nei territori occupati come pure delle Diaspore in giro per il mondo per tutti e  4 gli elmenti che caratterizzano uno stato per il diritto  internazionale mentre per il resto del mondo lo era solo per 3 di essi.

Il primo elemento e´quello di avere un territorio controllato e questo e´esistito anche se oggi si riduce ad una enclave in Siria intorno a Raqqa.

Il secondo elemento ci parla di avere una popolazione ed anche questo e´stato soddisfatto dato che i territori erano abitati da realta´Tribali che lo hanno sostenuto e lo si dice senza nascondere i massacri subiti dalle realta´che sono state stuprate in nome di una visione religiosa deformata ed asservita a fini politici di potere.

Il terzo elemento e´relativo al governo che ISIS ha strutturato e con cui ha governato con i metodi che conosciamo tutti.

Questi 3 elementi del diritto internazionale erano riconosciuti sia da chi sosteneva come da chi contrastava l´ISIS e questo ha consentito a questa realta´non statale di essere percepita come una realta´statale.

E´relativamente al quarto elemento, ovvero all´essere riconosciuto dalla comunita´internazionale, partiamo dal 2014 quando con la conquista di Mosul ha dichiarato la costituzione del Califfato che cambiava in maniera radicale l´atteggiamento a seconda che qualcuno fosse pro o contro il progetto dell´ISIS.

Nella pratica il riconoscimento internazionale avveniva dalle realta´che accettavano la sudditanza all´ISIS proclamando i territori dove operavano ed operano come province del Califfato dalla Nigeria alla Libia.

Un secondo riconoscimento internazionale avveniva dalla Diaspora Sunnita nel mondo che sosteneva al-Baghdadi in vario modo nella dimensione fisica come in quella digitale del reale.

Ovvero la Diaspora Sunnita pro-Isis.

Il punto cardine e´che queste realta´sono a loro volta solo delle Tribu´nel contesto delle dimensioni delle non statalita´e quindi non hanno valore giuridico internazionale.

E se ci concentriamo sulle realta´che hanno un valore giuridico internazionale, ovvero gli stati come nati dalla Pace di Westphalia del 1648 e le organizzazioni internazionali riconosciute, (che per inciso a loro volta sono delle realta´non statali di forma sovra ed intra-statale come le Nazioni Unite o la Unione Europea piuttosto che la Lega Araba), nessuna di loro ha mai riconosciuto l´ISIS come stato.

Pertanto, ed e´un punto cardine, l´ISIS era percepito come uno stato per chi ne condivideva le idee e non lo era per il resto del mondo che era ed e´la stragrande maggioranza.

E questo ci porta alla seconda parentesi che ci spiega la differenza sostanziale rispetto ad Al Qaeda e che tratteremo oggi nella seconda parte della nostra analisi che pubblichiamo alle 17 e 15.

 

 

Nota Editoriale

LocGlob analizza ogni giorno più di 12000 fonti tutti-partisan selezionate da un infoaggregatore unico al mondo, Inputrends,che ne monitora 80000.

LocGlob è numero uno sul mercato editoriale online in 8 sezioni tematiche che vanno dalla economia sostenibile al design ed al fashion sostenibile come pure il turismo eclettico ed il food intelligente.

Locglob si sviluppa grazie alla metodologia di gestione aziendale e project management nota come “Leverage Cognitive Power” che trovate clickando qui .  

Una metodologia per sviluppare mercati sia tradizionali che online in tutto il mondo.

Abbiamo pensato ad un approccio nuovo sulla scena informativa mondiale offrendo ogni giorno un approfondimento con una analisi che pubblichiamo nel corso della giornata in 2 o 3 episodi.

Ogni giorno iniziamo alle 12.e 15 per poi pubblicare il secondo episodio alle 17 e 15 se se ve ne fosse un terzo alle 20 e 30.

Questo perchè siamo consci che il vero potere non risieda nella informazione ma nella comprensione delle cose.