Motori = Cultura: Fiat 500

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Il prestigiosissimo Moma di New York dedica una mostra alla Fiat 500 per i suoi sessantanni.

E come Paperino non li dimostra di certo.

Con questo tributo al genio Italiano la Fiat 500 va oltre l´essere leggenda in quanto diviene icona culturale di due secoli.

Se nel venticinquesimo secolo si scrivera´un libro sugli oggetti che hanno marcato la seconda meta´del ventesimo secolo ed il primo quarto del ventesimo non porta´mancare la Fiat 500.

Fa pensare ,no?

Eh,si.

Ma in termini sociali la stessa cosa la si puo´descrivere dicendo che e´un oggetto della eccellenza Italiana cosi´unico da saper lasciare il proprio marchio in un mondo senza quasi computer, ovvero quando e´nata, come pure in uno in cui non ci deconettiamo mai da un computer anche se ha la forma di uno smartphone.

Ho avuto una Fiat 500 come tanti e ci ho fatto tante cose ma mai all´amore. Ma non importa.

Ma parlando di Fiat 500 non possiamo non fare due riflessioni.

Una agro-dolce pensando alla sorella della Fiat 500.

Ovvero la vecchia Fiat 600 che era una city car in anticipo di mezzo secolo ed e´un peccato che sia dimenticata e non le si dia vita con un vero restyling.

Anche la Fiat 600 restilizzata sarebbe un sicuro successo.

La seconda riflessione e´ anche essa agro-dolce se pensiamo che per decenni il piu´grande testimone della Fiat 500 non fosse Italiano.

E non era neanche una persona.

E chi era?

Il personaggio di un manga Giapponese, ovvero Lupin Terzo.

Cosa dire di fronte a questo?

Che la Italianita´,ovvero una way of life cioe´ uno stile di vita, travalica il Made in Italy.

Non fu forse un film Americano ambientato a Roma il piu´grande ambasciatore della Vespa?

Certo che lo fu e parliamo del bellissimo “Vacanze Romane” a cui si rifa´ la pubblicita´di un produttore di caffe´tedesco di alta gamma ambientando lo spot nella citta´piu´a nord del Mediterraneo.

Ovvero in Monaco di Baviera.

Se ci ritroviamo a scoprire che un capolavoro del genio Italiano come la Fiat 500 ha come ambasciatori nel mondo un manga Giapponese, un film di Woody Allen girato a Parigi ed una mostra nel piu´importante museo di arte moderna al mondo a New York.

Beh, allora dobbiamo essere soddisfatti.

In che senso?

Per un duplice motivo.

Il primo e´, come abbiamo detto prima, che la Italianita´e´oramai un modo di vivere che  va ben oltre quello che puo´produrre il Made in Italy e lo e´al punto di poter essere il Made di Altri.

Il secondo e´ che le automobili sono Cultura con la “C” maiuscola.

Sono alfabeto sociale con cui comunichiamo quello che siamo e con chi vogliamo stare, la nostra tribu´di riferimento, in quando momenti, pardon spazi dinamici vissuti.

Siediamoci in una Fiat 500 prodotta 60 anni fa per scoprire come era un mondo senza computer.

Sediamoci poi in una Fiat 500 prodotta nel 2017 per scoprire come sia fatto il mondo connesso ininterrottramente con quel computer metafisico che e´ l´Internet delle Cose.

Nel farlo scopriamo che Internet non sostituira´le automobili, al pari di tantissime altre cose, ma si limitera´a renderle piu´utilizzabili.

Ovvero non a rivoluzionarle ma solo e semplicemente a contribuire alla loro evoluzione.

E poi?

Intendiamo dire a che ci serve fare questa scoperta?

Beh, “solo e semnplicemente” a capire che le emozioni non dipendono dalla realta´ cosidetta smart intorno a noi.

Ma dipendono dalla nostra umanita´nel vivere il tempo ed il luogo.

In questo caso il tempo ed il luogo sono incarnati dalla Fiat 500.

Ovvero da una automobile che, quindi, scopriamo essere parte di noi essendo una componente della nostra Cultura.

Una Cultura con la “C” maiuscola come siamo soliti dire in questa rubrica dato che una automobile e´un complesso “ferro del mestiere” dl nostro lifestyle.

Nota Editoriale

LocGlob analizza ogni giorno più di 12000 fonti tutti-partisan selezionate da un infoaggregatore unico al mondo, Inputrends,che ne monitora 80000.

LocGlob è numero uno sul mercato editoriale online in 8 sezioni tematiche che vanno dalla economia sostenibile al design ed al fashion sostenibile come pure il turismo eclettico ed il food intelligente.

Locglob si sviluppa grazie alla metodologia di gestione aziendale e project management nota come “Leverage Cognitive Power” che trovate clickando qui .  

Una metodologia per sviluppare mercati sia tradizionali che online in tutto il mondo.

Abbiamo pensato ad un approccio nuovo sulla scena informativa mondiale offrendo ogni giorno un approfondimento con una analisi che pubblichiamo nel corso della giornata in 2 o 3 episodi.

Ogni giorno iniziamo alle 12.e 15 per poi pubblicare il secondo episodio alle 17 e 15 se se ve ne fosse un terzo alle 20 e 30.

Questo perchè siamo consci che il vero potere non risieda nella informazione ma nella comprensione delle cose.