TRUMP-IADI: La vera ragione del muro di Trump? La NARCO-GUERRA Civile del Messico considerato come uno stato fallito! (2/3)

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

E’ un peccato che le analisi sulle vere ragioni del muro non vadano oltre la retorica del Presidente Trump che molto abilmente riesce a nascondere la vera motivazione.

Per parlare di questa motivazione a cui in Italia in troppi credono per cinico calcolo elettorale dobbiamo aprire due premesse che ci consentono di  avere dei dati fondamentali che ci apriranno nuove prospettive.

Domanda: quale nazione al mondo è rispettivamente il secondo mercato per il Made in USA ed il terzo fornitore di prodotti e servizi usati dalla economia Americana?

Risposta: il Messico

Crediamo veramente che Washington voglia perdere il suo secondo mercato mondiale come pure il terzo fornitore di prodotti e servizi che servono a fare funzionare la sua economia?

La risposta è un plateale no.

E questa riposta ci porta alla seconda premessa.

In Italia siamo abituati a ragionare considerando gli USA come una confederazione di 50 stati.

Purtroppo non è più vero dal 1981 ovvero da quando Joel Gareau pubblico una analisi che descriveva gli USA integrati con il Messico ed il Canada per formare  le 9 nazioni del nord America.

Per chi trova questo un qualcosa che appartiene alla fantapolitica si ricorda sommessamente che gli eletti del Congresso Americano da  decenni vengono suddivisi su queste aree di appartenenza relativamente ovviamente a quelli eletti negli Stati Uniti.  Ed ancora di più fa pensare che se questo fu pubblicato nel 1981 allora si basa su dati che risalgono almeno agli anni settanta del ventesimo secolo. Ovvero il Nord America ha questa struttura da almeno mezzo secolo.

Chiunque voglia vedere questa nuova mappa degli Stati Uniti che da 36 anni è usata nelle cancellerie e nelle sedi dei servizi segreti di tutto il mondo può clickare qui.

A questo punto viene da chiedersi che senso abbia questo muro da almeno 8 miliardi di dollari.

Le spiegazioni sono essenzialmente due.

La prima ci dice che questa opera è una opera infrastrutturale di tipo Keinesiano.

Ovvero il governo spende almeno 8 miliardi di dollari per creare occupazione.

Quindi è bene pensare alle aziende che costruiranno perchè le loro azioni ne beneficeranno.

La seconda spiegazione è difensiva.

Difensiva contro due minacce.

La prima ed immediata è il blocco degli immigrati clandestini ma non è questa la ragione difensiva prioritaria.

Per capire quale sia dobbiamo fare mente locale sul fatto che il Messico da un decennio vive una narco-guerra civile con in media 50000 morti ammazzati ogni anno.

E’ un paese dove aree immense di territorio non sono controllate dal governo come dimostra la mappa che trovate clickando qui.

Non dobbiamo stupirci quindi se da tempo sia il Pentagono che la Homleand Security da anni considerino il Messico sotto il punto di vista come uno stato fallito come la Somalia.

Fa pensare che il Messico per Washington sia contemporaneamente un paese che dal punto di vista economico esprime il secondo mercato al mondo ed il terzo fornitore al mondo e sotto il profilo della sicurezza sia considerato come uno stato fallito.

Fa pensare sopratutto se questo paese confina con gli Stati Uniti.

E questo ci porta alla vera ragione del muro che sarebbe il temere una deflagrazione della narco-guerra civile che causi sia esodi di massa che la fuga di consistenti gruppi di narcos con addestramento ed armamento militare che finirebbero per saldarsi con il crimine organizzato Americano.

La ragione è “semplicemente” questa.

In merito al fatto che siano i Messicani a pagarlo facciamo una considerazione.

Se gli Stati Uniti dessero al Messico gli stessi soldi che danno al Cairo ed a Tel Aviv con questo denaro finanziano i Messicani per pagargli il muro in un periodo di 4 anni ed allo stesso tempo se li riprendono.

In che modo?

I finanziamenti  dati agli Israeliani ed agli Egiziani sono vincolati al fatto che servono a comprare tecnologia militare Americana.

In pratica Washington con una mano li finanzia e con la altra mano si riprende i soldi quando gli pagano le forniture.

La ragione è ovvia dato che in questo modo Washington vende  Made in Usa.

A questo punto il Messico deve spendere almeno 2 miliardi di dollari annui per contrastare i narcos.

Se gli USA glieli danno otteniamo che Washington ottiene sia la moglie ubriaca che la botte piena.

In che senso?

La moglie ubriaca la ottiene perchè il Messico si trova ad avere liberi due miliardi annui da dare agli Stati Uniti.

E la botte piena perchè Washington vincola questi aiuti al fatto che si comprino due miliardi di dollari di tecnologia militare Americana.

E  questo lo chiamiamo protezionismo?

Abbiamo voluto riproporre questo articolo del 14 aprile in quanto ancora attuale per capire il Trump-pensiero in questo momento di crisi.

Nota Editoriale

LocGlob analizza ogni giorno più di 12000 fonti tutti-partisan selezionate da un infoaggregatore unico al mondo, Inputrends,che ne monitora 80000.

LocGlob è numero uno sul mercato editoriale online in 8 sezioni tematiche che vanno dalla economia sostenibile al design ed al fashion sostenibile come pure il turismo eclettico ed il food intelligente.

Siamo leader della editoria online in 24 province Italiane ed in continua espansione e dal 2018 inizieremo all’ estero dato che possiamo creare contenuto editoriale in 14 lingue.

Locglob si sviluppa grazie alla metodologia di gestione aziendale e project management nota come “Leverage Cognitive Power” che trovate clickando qui .  

Una metodologia per sviluppare mercati sia tradizionali che online in tutto il mondo.

Abbiamo pensato ad un approccio nuovo sulla scena informativa mondiale offrendo ogni giorno un approfondimento con una analisi che pubblichiamo nel corso della giornata in 2 o 3 episodi.

Ogni giorno iniziamo alle 12.e 15 per poi pubblicare il secondo episodio alle 17 e 15 se se ve ne fosse un terzo alle 20 e 30.

Questo perchè siamo consci che il vero potere non risieda nella informazione ma nella comprensione delle cose.