SENSO DELLA FIDUCIA: Yakult ovvero scienza e non magia (1/3)

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Yakult è un prodotto lattiero-caseario probiotico realizzato dalla fermentazione di una miscela di latte scremato con un ceppo speciale del batterio Lactobacillus casei Shirota, creato dallo scienziato giapponese Minoru Shirota nel 1935.

Interessante lo storytelling che usa una sofisticata ironia relativamente al mondo new age.

In un momento di tensioni sociali e culturali sui vaccini come parte di un più ampio contesto che vede come attuali gli interrogativi sulla tecnologia questo storytelling è rivoluzionario.

Ed indubbiamente si innesta in questo in un approccio innovativo si inserisce nel filone che utilizzano anche Continental e Ferrero e che vedremo nella analisi alle 17 e 15 e delle 20 e 30.

Sofisticata è la sovrapposizione di due piani narrativi mediante una ironia molto sottile quanto gradevole.

Si inizia con un approccio molto spiritualista per passare subito con garbata ironia ad uno concreto.

Non magia ma tecnologia, anzi scienza.

Non arcani misteri ma test scientifici prima di arrivare sul mercato.

Non un prodotto le cui origini si perdono nei fumi della leggenda con qualche mago che usa piante miracolose ma “solo e semplicemente” una storia di 82 anni di comprovati successi grazie a milioni di persone che ne hanno trovato giovamento.

Indubbiamente una scelta coraggiosa in termini di narrativa del prodotto.

Coraggiosa ed innovativa al punto di essere giusta in questo momento ed , al pari dello storytelling di Continental e di Nutella , in grado di creare un trend comunicativo.

Ne viene fuori la supremazia della tecnologia in quanto in grado di generare una emozione chiave: la fiducia.

Analizziamo ora tutto secondo una analisi di tipo Leverage Cognitive Power che trovate qui e  da ora chiameremo LCP.

Il LCP si basa su:

  • 3 dimensioni emozionali, (contatto, connessione e Condivisione)
  • declinate su 7 variabili olistiche, (conosciuto, capito, creduto, comprato, confermato, concorrenza, Comunità)

Iniziamo con la dimensione emozionale del contatto.

La variabile olistica di riferimento è quella dell’ essere conosciuto.

Si concretizza come abbiamo visto con uno spot simpatico in cui i piani narrativi ironicamente rafforzano a vicenda dando la percezione di una qualcosa di unico.

E questa percezione di unicità consente di accedere alla seconda dimensione emozionale che ci parla della connessione.

Il messaggio sottile ma efficace viene capito soddisfacendo quindi la seconda variabile olistica.

A cui segue la terza, ovvero l’ essere creduto grazie al sapere essere concreti e non solo emozionali.

E questo consente di traslare la percezione delle Persone , Persone e non Clienti e ci torneremo dopo in una logica LCP, nella dimensione emozionale della connessione.

Qui il fatto che si siano soddisfatte le variabili olistiche della conoscenza, comprensione e del credere che quello che si offre sia offerto congruamente ci consente di andare oltre.

Le Persone infatti attivano la variabile del comprare.

Che rinnova quella del confermare che si dipana da 82 anni di successi.

E la connessione consente di verificare la congruità della percezione di Yakult rispetto alle due ultime variabili olistiche.

La concorrenza e la Comunità.

La concorrenza ovvero il mondo che si muove intorno ad una brand ed a quanto offre.

Lo storytelling di Yakult è così innovativo che surclassa la concorrenza persa in un confuso mix di sentimentalismo o tecnicismo esasperato che infastidisce.

Per quanto riguarda la Comunità riprendiamo quanto accennato prima introducendo il discorso sulle Persone , ovvero sulla Comunità, piuttosto che sui Clienti, ovvero il target.

In una concezione LCP non si hanno Clienti e Target ma Persone e Comunità.

Ovvero connessione.

E Yakult nel concreto crea questa connessione e, quindi, parla ad una Comunità grazie ad 82 anni di fiducia da parte delle Persone.

Scienza buona quindi e non fumosa magia fanfarona come possiamo. simpaticamente vedere nello spot clickando qui.

Nota Editoriale

LocGlob analizza ogni giorno più di 12000 fonti tutti partisan selezionate da un infoaggregatore unico al mondo, Inputrends,che ne monitora 80000.

Abbiamo pensato ad un approccio nuovo sulla scena informativa mondiale offrendo ogni giorno un approfondimento con una analisi che pubblichiamo nel corso della giornata in 2 o 3 episodi.

Ogni giorno iniziamo alle 12.e 15 per poi pubblicare il secondo episodio alle 17 e 15 se se ve ne fosse un terzo alle 20 e 30.

Questo perchè siamo consci che il vero potere non risieda nella informazione ma nella comprensione delle cose.