Matrix è qui: I VARI TIPI DI REALTA’ ED I LAVORI DISPONIBILI DA OGGI (2/3)

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Nella prima parte di questa analisi avevamo visto come una nuova dimensione di interfacce operative stia creando lucrose opportunità di lavoro per chi è esperto di video game e mondi digitali come 2nd Life.

Oggi continuiamo parlando di altri settori in cui queste competenze possono trasformarsi in lavoro ad alto valore aggiunto ma prima di farlo è bene aprire una parentesi esplicativa sulle interfacce operative coi computer che già esistono.

Nel farlo partiamo ricordando sempre, e ne avevamo parlato diffusamente nella sezione sulla Tecnologia Sostenibile , che oramai i visori che aumentano la realtà percepita con uno smartphone, e che consentono di guidare una Porsche con i vetri oscurati in un circuito, sono reperibili a 50€ sulle bancarelle del mercato di una small town come Cuneo.

E per continuare la nostra parentesi dal locale di Cuneo ci si sposta al locale di un simposio internazionale tenuto a Boston dal 17 al 19 maggio.

In questo modo parliamo di META, che insieme a Microsoft, ha creato il visore per questo tipo di lavoro più avanzato al mondo al costo di 949 dollari.

A questo punto è fondamentale  fare un minimo di chiarezza dato sia il sensazionalismo che la superficialità in giro.

La superficialità si riferisce  al perdurare dell’ errato uso del termine Realtà Virtuale. Una realtà è virtuale quando NON esiste mentre noi parliamo di realtà che esistono nella forma fisica del digitale.

Ovvero del fatto che la fisicità del digitale è da tempo parte costante di una realtà quotidiana che possiamo definire come DUAL e che è composta dalla dimensione fisica e da quella reale che oramai da tempo interagiscono nel quotidiano senza soluzione di continuità.

Il sensazionalismo è quello solito che ci dice che da domani , anzi da oggi quando il Guru di turno scrive, tutto cambia  in maniera che solo il Guru sa spiegarci.

Premesso questo continuiamo la  nostra parentesi chiarendo la confusione deleteria tra la realtà aumentata e quella mixata.

Un esempio di realtà aumentata è lo spot della Vodafone in cui una Porsche è guidata grazie alle immagini di uno smartphone.

Ovvero lo schermo digitale esprime, appunto, digitalmente il reale  rendendolo in maniera così realistica che non si distingue.

La realtà mixata è un qualcosa che va oltre in cui si mixano sia elementi  reali fisici che elementi reali digitali che interagiscono insieme condivisi da tutte le persone che usano un apposito visore.

Un esempio pratico.

Immaginiamo di dover analizzare un oggetto di design come pure un componente meccanico od anche una sezione del corpo umano.

Immaginiamo che siamo chirurghi in consulto. Un collega in una sala operatoria stà operando un paziente e la sezione che opera è quello che definiamo come elemento reale.

Immaginiamo che  debba inserire una protesi od un by-pass e che noi si sia dei colleghi chirurghi specializzati in questo campo e che ci si trovi in altre sedi in giro per il mondo.

Agendo in un contesto di mixed reality ogni chirurgo può suggerire in merito alle incisioni di tessuto come pure sul posizionamento migliore della protesi simulando in maniera digitale ma reale di farlo sul tessuto del paziente senza ovviamente incidere sulle carni.

Poi si decide come operare al meglio

Oppure immaginiamo di essere dei designer che devono decidere in merito ad una lampada.

Nel vostro ufficio e sul vostro tavolo ponete il modello fisicamente reale. I vostri colleghi in giro per il mondo apportano modifiche ed aggiunte inserendo dei componenti digitalmente reali. Alla fine di ottiene un prodotto finito mixando componenti reali e digitali visibili con un apposito visore per la mixed reality.

A questo punto concludiamo la nostra parentesi iniziando a parlare dei settori dove già  da oggi possiamo vivere queste dimensioni lavorative.

Questi settori sono:

  • lo sport con la diffusione degli e-Sports
  • il design, il food ed il fashion nella forma del selling e del coaching per chi cerca consigli
  • la gestione di locali nella realtà digitale

E questo sarà l’ argomento della terza ed ultima parte della nostra analisi che pubblicheremo in prima serata oggi.