Mappe … il mondo definisce lo spazio con le mappe.

Come quelle magiche nei Musei Vaticani

Spazio… ultima frontiera diceva un noto comandante di vascelli stellari.

Un frase forte, no?

Eh,si. Piena di significati.

Ovvero?

Ultima frontiera e dato che le frontiere sono ben più complesse dei limes è come dire un  ennesimo “deserto dei Tartari” che si esce per conoscere.

Si anche ma non solo.

Simboli dicevamo dato che poi tutto,almeno in un certo senso, si riduce sempre a questo.

Le mappe sono sempre ed essenzialmente mentali prima ancora che fisiche.

Ovvero reali nel senso che esprimono innanziutto la nostra rappresentazione del mondo e poi,(forse),quella oggettiva.

Ma se lo spazio è soggettivo che senso ha il tempo?

Ovvero come si struttura l’ euqazione millenaria  tempo/spazio.

Non certo in ore o giorni di percorrenza ma in emozioni generate.

Ovvero…il senso del viaggio.

La ricerca di noi nel tempo che diviene spazio.

Mappe il mondo definisce lo spazio con le mappe.

E le sole che contano sono le nostre mappe mentali così piene di pregiudizi che chiamiamo dati obiettivi.

Vi ricordiamo stasera alle 18 il viaggio del mondo in 20 click con The Fixer