Le tecnologie basate sul DNA migliorano la nostra vita

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Durante la Exponential Medicine Conference  a San Diego sono emersi delle innovazioni sull’ uso delle tecnologie basate sul DNA che hanno un impatto positivo nel nostro quotidiano nei settori dei sistemi di monitoraggio della salute,dell’ agricoltura cellulare generante prodotti senza animali e della creazione di bio-laboratori casalinghi per creare profumi o medicine

Ci focalizziamo su tre degli ambiti analizzati durante i lavori della della conferenza che evidenziamo come il DNA sia già utilizzabile nel presente per migliorarci la vita.

1- Apparecchi collegati all’ Internet delle Cose. che in diretta monitorano la nostra salute

Gli strumenti di questa categoria si stanno diffondendo in diverse forme. Dall’ hardware che indossiamo, ad esempio  gli orologi, alle applicazioni negli smartphone ed ai sensori nelle automobili ma anche negli apparecchi del nostro quotidiano come un frigorifero o l’ impianto luci-stereo integrato nell’ arredo delle abitazioni.

Strumenti sempre più integrati tra di loro come pure in remoto con altri localizzati presso chi ci cura.

Una nuova generazione di hardware che ci monitora partendo del nostro DNA e,quindi,rilevando sia dei problemi di salute esistenti che potenziali stà per arrivare sul mercato a partire dal 2018.

Strumenti in grado non solo di monitorare in tempo reale ma anche di consigliarci sempre in tempo reale.

Ad esempio non si limiteranno a rilevare quanto mangiamo o beviamo ma ci diranno che siamo arrivati alla soglia di tolleranza come pure se sia ora di prendere un medicinale,(ad esempio una dose correttiva di insulina se diabetici): Ma anche  come integrare con altri alimenti e bevande per ridurre degli effetti collaterali sgradevoli.

Può sembrare banale ma un sensore di questo tipo ad un certo punto durante una cena con amici vi può consigliare di aggiungere acqua al nostro secondo o terzo bicchiere di vino dato che poi dobbiamo guidare o perche’ assumiamo un medicinale che con certe dose si alcol ha effetti collaterali negativi.

2-  l’ agricultura cellulare in grado di generare prodotti alimentari per l’ uomo senza animali

Dalle uova senza galline alla carne senza  mucche o suini il le tecnologie a base di DNA aprono notevoli dimensioni commerciali.

Nelle sessioni di lavoro della conferenza di di San Diego sono state analizzate alcune soluzioni già operative come:

  1. Memphis Meats che genera tessuti commestibili di carne suina,bovina e avicola facendo crescere le cellule staminiche degli animali con una speciale mistura di ossigeno,zucchero e minerali all’ interno di un bio-reattore che in poche settimane genera del tessuto commestibile
  2. MycoWorks che sviluppa un nuovo tipo di pelle utilizzabile per produrre abiti ed accessori grazie all’ uso di un particolare fungo,(il mycelium, in combinazione con altri bio-prodotti elaborati in un processo di tipo carbon-negative,(ovvero in assenza di carbonio).
  • New Wave Foods produce la tipologia di pesce più mangiata negli USA,i gamberi, generandoli da particolari proteine inserite in alcune specie di alghe.
  1. Geltor che produce della gelatina senza l’ uso di animali. Gelatina da usarsi sia in ambito alimentare che nell’ industria farmaceutica e dei cosmetici

3- Bio-laboratori a basso costo da usarsi in casa per produrre dai cosmetici ai medicinali

Ad esempio Animo Labs che e’ un mini laboratorio a basso costo che consente di produrre in casa diversi tipi di batteri utilizzabili sia per la cosmesi che per produrre medicine

Dopo questi esempi focalizziamoci sulle ragioni che ne decreteranno il successo.

La sequenza del DNA fu un lavoro che coinvolse scienziati di tutto il mondo in un progetto della durata di più di 10 anni con un costo che superò i 3 miliardi di dollari.

Oggi si può ottenere una sequenza completa di DNA in al massimo 12 ore non spendendo più di 1.000 dollari.

Secondo quanto emerso alla conferenza di San Diego nel 2018 si arriverà ad un costo inferiore ai 20 dollari  e questo porterà ad un utilizzo senza precedenti delle tecnologie basate sul DNA.

Partendo dalle tre dimensioni analizzate precedentemente vediamo perche’ avranno successo.

Nel contesto degli apparecchi collegati all’ Internet delle Cose. che in diretta monitorano la nostra salute le  tecnologie basate sul DNA consentono una focalizzazione su ogni individuo che al momento non è possibile pensare con gli attuali sensori.

Questo perchè il sensore opera basandosi sul DNA della persona e non solo sulla base di,(a questo punto “generiche”, informazioni statistiche sul passato della persone come pure sulla tipologia di problema.

In che senso “generiche informazioni”?

Semplicemente perchè non basate su una conoscenza approfondita della persona come quella che solo il suo DNA può dare.

I benefici in termini di costo/efficacia del monitoraggio sono così chiari che rendono queste tecnologia imbattibili dalla concorrenza.

Specialmente poi se verranno,come verranno, integrate con l’ intelligenza artificiale.

Relativamente al mondo dell’ agricoltura cellulare in grado di generare prodotti alimentari per l’ uomo senza animali i benefici sono riconducibili a quattro dimensioni chiave:

–  I benefici per la Salute: i prodotti commestibli non contengono componenti nocivi come,ad esempio, i grassi generanti colesterlo.

  • I benefici  Ambientali: si riduce in maniera sostanziale sia il consume di terreno che di acqua come pure l’ inquinamento da fertilizzanti e quello da emissione di Co2 da parte degli animali allevati. Inoltre viene anche meno il possibile rischio da riduzione della bio-diversità  generabile con culture con un ristretto/unico patrimonio genetico ed anche l’ emissione di Co2 generata salla logistica per il trasporti del cibo da  pasi lontani.

– I benefici Economici: si riducono i costi da impatto ambientale ma anche quelli relativi ai costi logistici. In poche parole,ad esempio,un buon quarto di carne Chianina si può produrre in un laboratori situato a 10 Km da Prigi invece che importarla. Ma si aumenta anche la disponibilità di prodotti alimentari facendo venire meno il conflitto tra ll’ uso per la alimentazione animale e quella umana che ha contrbuito in maniera sostanziale all’ aumento del costo del cibo

  • I benefici Geopolitici: se il costo del cibo non aumenta non si fanno le rivoluzioni per mangiare. Se l’ ambiente non si inquina non si fanno per proteggersi dalla devastazione ambientale.

Infine in merito alla disponibilità di bio-laboratori a basso costo da usarsi in casa per produrre dai cosmetici ai medicinali.

in un mondo ad economia sempre più “peers-to-peers” la produzione di cosmetici focalizzati sulla persona  a “Km 0” genera una nuova e lucrativa tipologia di business per micro/piccole imprese.

La porduzione di medicinali, ovvimamente regolamentata alla fonte limitando quello che quesit bio-laboratori possono produrre, ridurra i costi del welfare come pure apriraà nuovi sbocchi alla produzione di medicine  di tipo omeopatico-naturale da parte di micro/piccole imprese.

Da qui si comprende come tutto questo avrà successo.