SESSO, quando non si usa la parola per andare oltre una relazione di amplessi

(NOTA: per un corretto ascolto si consiglia di utilizzare Google Chrome)

Non dobbiamo stupirci in un mondo in cui il termine erotismo diviene sempre più sinonimo di pornografia se il termine intimità sia sempre più sinonimo di sesso.

Ovvero la connessione tra due persone sempre più associata allo scopare prima ancora che al fare all’ amore.

Brutale?

Indubbiamente serve a far riflettere relativamente al nostro benessere mentale.

E’ indiscutibile che  la intimità e  la sessualità siano correlate ma non sono per questo sinonimi ed in una relazione le due dimensioni hanno binari sinergici ma anche paralleli.

Ovvero dal condividere allo scopare passando dalle coccole ed il fare alla amore le sfumature sono ben più di 50 e non solo solo sfumature di grigio anche se in Italia il bondage si diffonde molto rapidamente da anni.

Ed ovviamente si può fare sesso senza intimità come pure avere intimità senza sesso quando  si ha solo amicizia.

Poi viviamo anche in un mondo dove dal 2017 il mitico calendario Pirelli ci dice una cosetta nuova quanto importante.

Cosa ci dice The Cal?

Ci dice che donna è donna anche se non gnocca ed aggiunge anche una sfumatura fondamentale?

Quale sfumatura? in un mondo di over 40 ed anche over 50 in cerca di gnoccabilità con attrici che fanno pubblicità  basate sul loro essere gnocchissime per uomini più giovani abbiamo che The Cal porta un attimo di sano realismo.

Stiamo calmine e stiamo calmini dato che la vita non è un viaggio che si percorre solo indossando un tacco da 16 se femminucce o con un fisico palestrato abbronzato se maschietti

Over è bello anche se non si è nel mondo dei gnocchi.

Ringraziando The Cal della Pirelli che dicendo questo diviene mito più che mai cosa ci può restare da dire?

Che la intimità è prima di tutto sinonimo di CONNESSIONE.

Ovvero di confidenza, compartecipazione , costruzione di un qualcosa insieme.

Un qualcosa che si basa sul nostro essere maturi e non su un tacco 16 od un pettorale palestrato.

Ovvero sul vivere una dimensione SeiHai in cui si ha in quanto si è.

Si tratta di fidarsi ed aprirsi partendo dal fatto di accettarsi per poi accettare.

Di essere essere umani.

E’ poi così difficile esserlo?

©2017

———–

Oggi abbiamo pubblicato

  1. SESSO, quando non si usa la parola per andare oltre una relazione di amplessi
  2. Il 63 percento dei terroristi che uccide in America è BIANCO e CRISTIANO (1/2)
  3. Apple: un boomerang in termini di storytelling
  4. Se la realtà digitale amplificata si vende a 50 euro sulle bancarelle di Cuneo allora impatta sul Made in Italy
  5. Viaggiare con le parole (2/2)
  6. Giorno della Memoria? Ipocrisia e concerti a parte abbiamo GIA’ DIMENTICATO